L’imperialismo delle stragi e delle menzogne.

La crisi che investe i paesi a capitalismo avanzato porta le borghesie tramite le burocrazie e le forze armate che le rappresentano a sferrare un attacco a livello globale per assicurarsi nuove ricchezze e mercati. Si aggrediscono i paesi indipendenti e allo stesso tempo si inasprisce sempre piu’ la competizione tra le varie potenze e unioni imperialiste. Nelle ultime settimane tutto questo e’ stato accompagnato da una massiccia campagna di disinformazione ad opera dei principali mezzi di comunicazione di massa,per giustificare imminenti guerre creando casi belli ad hoc. Per questo ho voluto scrivere un articolo che spiegasse cosa e’ successo veramente e per quali motivi specifici alcuni paesi sono nell’occhio del ciclone.

SIRIA

La Repubblica Araba di Siria e’ da tempo,sotto la guida di Hafez Al-Assad e di suo figlio Bashar,una spina nel fianco del colonialismo euroatlantico. Non e’ un paese socialista(come affermano alcuni neofascisti statoimpotenti) ma vi continua a sussistere un vasto apparato statale,tramite il cui la borghesia nazionale si e’ liberata dal controllo delle multinazionali straniere sull’economia. Questo vasto settore capitalista di stato e in particolare quello petrolifero fa gola alle grandi corporations delle potenze imperialiste. Ma non finiscono qui le motivazioni per un attacco a questo paese,dato che il governo siriano finanzia e arma la milizia sciita Hezbollah in Libano e i comunisti del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina,che lottano entrambi contro le barbarie commesse da Israele contro il popolo palestinese,ed e’ il piu’ grande alleato dell’Iran degli Ayatollah. Non ci stupisce che anche qui siano arrivati agli inizi del 2011 i venti della “primavera araba” e che,come in Libia,subito si sia concretizzata in una controrivoluzione orchestrata dai soliti noti USA,UE,Israele,EAU,Qatar e Arabia Saudita. Si e’ iniziato a parlare dei manifestanti pacifici repressi duramente dalla cattiva dittatura,delle stragi,delle uccisioni dei bambini,delle divisioni religiose,e dopodiche’ sono partite le invocazioni ad aiutare i ribelli,a creare una no-fly zone,a intervenire “umanitariamente”. Si e’ visto di tutto:stragi dei ribelli trasformate in stragi dell’esercito regolare,manifestazioni a favore del governo descritte come manifestazioni antigovernative,il governo tollerante degli Assad diventato improvvisamente un governo repressivo degli alauiti contro sunniti e cristiani,combattenti di Al Qaeda,mercenari turchi ed emiri sauditi che compongono tutto d’un tratto il “popolo siriano in lotta per la democrazia”. Non si puo’ negare che inizialmente ci siano stati cortei contro le privatizzazioni e il carovita ma i gruppi armati che continuano a combattere nello stato mediorientale sono di natura totalmente diversa. E’ stato dimostrato,sia tramite documenti che grazie alle catture da parte delle forze armate siriane di turchi,sauditi e ribelli libici,che queste persone lottano per rovesciare il governo anti-imperialista e creare un governo fantoccio del colonialismo,dalle cui potenze sono sostenuti. Viene confermata questa realta’ anche dagli attacchi agli oleodotti,dalle stragi di civili per impaurire il popolo,dalle bandiere del periodo coloniale che amano sventolare. L’ultima delle menzogne e’ stata quella relativa al “massacro di Tremseh”. Gli stessi giornalisti prezzolati prima hanno proclamato su tutte le prime pagine la bestialita’ del regime e poi,per cercare di salvarsi la faccia,si sono smentiti in trafiletti alla sesta pagina dicendo che “forse” quelle morti erano il frutto di un combattimento piuttosto normale per una guerra e che non c’erano bambini tra i cadaveri. Allo stesso tempo pero’ nessuno si e’ indignato per la gravissima uccisione di tre ministri e i continui attentati che devastano la capitale del paese. Come se fosse normale assassinare membri del governo di uno stato sovrano. Pochi giorni dopo e’ stata annunciata la pomposa entrata dei miliziani salafiti a Damasco e la presa delle frontiere che avrebbero portato la situazione a un punto di svolta. In realta’ in poco tempo Damasco e’ ritornata totalmente sotto il controllo del governo e del popolo siriano e cosi’ anche per le frontiere,lasciando l’amaro in bocca il giorno dopo ai vari propagandisti corrotti. Intanto continuamente vengono proposte nuove sanzioni o interventi militari al Consiglio di Sicurezza dell’ONU,non ancora approvate a causa del veto di Russia e Cina,che temono l’espansione dell’influenza americana in Asia. Non si puo’ escludere che la NATO decida dunque di intervenire senza i permessi delle nazioni unite,come gia’ era stato fatto per l’invasione dell’Iraq.

IRAN E HEZBOLLAH

Dalla rivoluzione islamica del ’79 l’Iran e’ passato dal governo fantoccio filoamericano dello scia’ a un governo assai reazionario,ultraconservatore e fondamentalista religioso,che pero’ costituisce il principale contenitore dell’imperialismo sionista e si oppone in tutto il mondo arabo alle forze wahabite e salafite sostenute dalle petromonarchie del golfo aiutando invece partiti sciiti come Hezbollah in Libano. Inoltre la borghesia nazionale che ha preso il potere in questo paese ha adottato tra i primi provvedimenti la nazionalizzazione del petrolio,che prima era in mano principalmente alla British Petroleum,portando benessere e progresso per il popolo. Da tempo il paese e’ nel mirino degli imperialisti. La stessa guerra in Iraq e quella “civile” combattuta ora in Siria hanno gli obiettivi di accerchiare l’Iran,che ha uno dei sottosuoli piu’ ricchi al mondo di idrocarburi. Per giustificare le minacce,le angherie e una futura invasione,la macchina propagandista occidentale ha mischiato verita’ a falsita’. Ad esempio non si puo’ negare che il regime teocratico iraniano lapidi adultere e impicchi omosessuali ma le forze aiutate dalla NATO nel paese sono legate all’estremismo sunnita che renderebbe questa situazione ancora peggiore. Peraltro chissa’ perche’ nessuno nota che queste cose avvengono anche con maggiore frequenza in Arabia e nelle monarchie vicine,come anche avverranno tra poco nella Libia conquistata dai senussiti. Nel 2009 e’ iniziata la cosiddetta “Rivoluzione Verde” da parte degli ambienti filoamericani del paese e partita infatti dai quartieri alti di Teheran. Questo movimento finanziato dalla Freedom House e altre organizzazioni statiunitensi ha catalizzato l’attenzione del mondo sul “regime sanguinario” oscurando invece le proteste operaie duramente represse. Infatti agli imperialisti non interessano affatto le condizioni di vita del proletariato iraniano oppresso dalla borghesia nazionale ma interessa rovesciare la borghesia nazionale e instaurare un regime coloniale. In quanto invece a menzogne eclatanti porto come esempio il recente attentato a Burgos in Bulgaria. Un indefinito ragazzo travestito da turista si e’ fatto esplodere su un autobus colmo di giovani turisti israeliani. Dopo qualche ora il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha deciso che il colpevole fosse l’Iran e la milizia sciita Hezbollah,senza portare uno straccio di prova se non quella di dare un motivo a qualche attacco a sorpresa delle grandi navi da guerra che stazionano in Qatar e negli Emirati Arabi Uniti. Entrambi gli imputati per la strage hanno negato e cio’ non mi scandalizza. Un paese accerchiato e sanzionato non ha la forza ne’ la volonta’ di accendere esso stesso la guerra con eccidi di civili in vacanza.

COREA DEL NORD

La Repubblica Democratica Popolare di Corea sin dalla nascita e’ stato probabilmente il paese piu’ sognato e piu’ devastato dall’imperialismo giapponese e da quello americano,che ancora tentano invano di conquistarlo. Infatti,sotto la guida del Partito dei Lavoratori di Corea e dei tre Kim,non e’ stata fatta alcuna concessione alle potenze neocoloniali. La fortezza socialista,nata da una guerra di liberazione anti-giapponese aiutata dall’Armata Rossa,ha respinto una barbara invasione americana nei primi anni ’50,ha fermato ogni provocazione,arrivando a sequestrare una barca spia negli anni ‘80(ora museo sul fiume Taedong a Pyongyang),ha risposto all’embargo e alle continue minacce degli anni ’90 con la politica del “la difesa per prima”(songun)rafforzando enormemente il gigantesco esercito e arrivando a fabbricare due ordigni nucleari. Ha continuato,nonostante l’isolamento nel contesto asiatico,a rispondere ad ogni minimo attacco(combattimenti a Yeonpyeyong nel 2003 e nel 2010) dei reazionari sudcoreani. A questo forte anti-imperialismo si aggiunge il fatto che il sistema del paese(socialismo e dittatura proletaria) sia radicalmente alternativo a quello degli imperialisti americani ed europei,che vogliono cancellarlo dalla faccia della Terra cosi’ da accaparrarsi i monopoli statali ed eliminare gli ultimi residui di socialismo realizzato da cui qualcuno potrebbe trarre ispirazione. Infine conta anche la posizione geografica della RDP di Corea,tra i due piu’ grandi rivali economici degli USA e della UE,Cina e Russia. Il governo nordcoreano mantiene posizioni che vanno dall’amicizia alla neutralita’ con entrambi i giganti. Chiaramente ambedue,dopo aver constatato l’impossibilita’ di colonizzare il paese,lo tollerano come cuscinetto contro gli yankees,i sudcoreani e i giapponesi. Un attacco a questo paese avrebbe proporzioni catastrofiche e non solo per i lavoratori nordcoreani. Innescherebbe infatti una guerra inter-imperialista mondiale dato che la Cina non permette piu’ ulteriori espansioni della sfera d’influenza di Washington. Purtroppo la sete di ricchezze da spolpare dei vari avvoltoi imperialisti non si ferma davanti a niente e assume proporzioni sempre piu’ inquietanti anche in questo angolo di mondo. A giugno ci sono state grandi esercitazioni militari congiunte nippo-coreo-americane in cui si e’ arrivati a sparare contro la bandiera nordcoreana. In questo mese invece i media occidentali hanno speculato sull’elezione di Kim Jong Un a maresciallo supremo delle forze armate popolari coreane,riportando che,secondo fonti sudcoreane,il maresciallo Ri Yon Ho non avrebbe lasciato l’incarico per malattia ma dopo essere stato ucciso in un surreale attacco alla sua abitazione condotto personalmente da Jang Song Thaek,zio di Kim Jong Un. Non si riesce a capire perche’ allora Kim Jong Un non lo abbia fatto prima,dato che da Aprile e’ segretario del PLC e presidente della Commissione di Difesa Nazionale e lo puo’ destituire quando vuole. Tutta questa farsa per dividere i nordcoreani,figurare la leadership coreana come la piu’ brutale al mondo,e distogliere l’attenzione da un fatto ben piu’ grave. L’arresto di una banda di terroristi che erano pronti a iniziare una “primavera araba” con la distruzione di statue e monumenti,in particolare quelle di Kim Il Sung e Kim Jong Il a Pyongyang.

LA VIA D’USCITA

Spiegata  la posizione che devono assumere i comunisti,i lavoratori e i popoli e dimostrati gli unici veri motivi per cui arieggiano venti di guerra contro questi paesi, che fare per contrastarli? L’unica via per fermare nuove guerre,saccheggi e devastazioni che possono sfociare in una tremenda terza guerra inter-imperialista globale e’ iniziare a lottare,con i partiti comunisti e le forze anti-imperialiste di ogni paese ponendosi obiettivi chiari,raggiungibili molti solo con la conquista del potere operaio-popolare ma che ci facciano subito da bussola.

-Opposizione ad ogni aiuto ai ribelli mercenari dell’impero,alle sanzioni,agli embarghi e alla guerra contro un paese anti-imperialista o rivale.

-Uscita del proprio paese da ogni unione imperialista,ovvero alleanza economica,politica,militare con altri paesi capitalisti(UE,NATO,EURASEC,CSCT,Trattato di Shanghai,ASEAN,ALCA,UNASUR) che risponde agli interessi dei monopoli a scapito dei lavoratori e dei popoli.

-Ritiro di tutte le truppe impegnate in missioni militari all’estero,siano esse piu’ o meno “pacifiche”(insomma da quella in Afghanistan a quella ad Haiti).

-Chiusura di tutte le basi NATO o straniere sul suolo nazionale. Stop ad ogni esercitazione militare straniera sul nostro territorio. Divieto di transito di navi e aerei militari stranieri nello spazio aereo e navale nazionale.

L’imperialismo delle stragi e delle menzogne.ultima modifica: 2012-07-24T01:28:00+02:00da solerosso1917
Reposta per primo quest’articolo